Azioni

Nereide logo

  

EC life 

LIFE15 ENV/IT/000268

Azioni

L’idea principale alla base di questo progetto è quella di utilizzare la gomma riciclata da Pneumatici Fuori Uso per le sua resilienza e le proprietà elastiche e insonorizzanti, unitamente ad un asfalto riciclato, come materiali a "fine vita" in sostituzione di aggregati vergini e parte del bitume vergine. Il progetto prevede così una caratterizzazione e qualificazione delle materie prime, individuando i processi di trattamento della gomma riciclata da Pneumatici Fuori Uso più idonei per modificarne la reazione reologica e renderla quindi più adatta all'incorporazione nel bitume. Il bitume agirà sia come legante che come matrice del nuovo materiale composito, con funzioni strutturali e di impermeabilizzazione, contribuendo a prevenire la lisciviazione di sostanze chimiche contenute nella gomma del pneumatico.

Lo sviluppo di queste innovative pavimentazioni stradali avverrà mediante prove di laboratorio che selezioneranno la loro corretta composizione, la curva granulometrica e le caratteristiche strutturali, la percentuale di gomma riciclata e le modalità per realizzarli. Una prima posa di superfici sperimentali verrà poi effettuata in Toscana e in Belgio.

action nereide 2

 
action nereide 1

Per monitorare le prestazioni, saranno utilizzati il metodo CPX e il metodo Pass-by per misurare il rumore prodotto dal rotolamento dei pneumatici sia sulle superfici di riferimento che su quelle “innovative”. Il Pass-by sarà adattato alla realtà urbana, riducendo al minimo i fattori di disturbo.

Nuovi metodi di valutazione dell’assorbimento acustico a bordo di un laboratorio mobile permetteranno di valutare l'assorbimento in modo riproducibile e senza l'uso di metodi distruttivi (che di solito sono analizzati in condizioni di laboratorio). I nuovi metodi di valutazione consentiranno una maggiore affidabilità dei risultati del monitoraggio, orientando nella scelta tra nuovi asfalti con prestazioni migliorate. Inoltre, sarà effettuata anche una valutazione degli effetti psicoacustici sulla popolazione locale attraverso delle indagini che saranno eseguite per valutare le differenze su fastidio e disturbi del sonno con le nuove superfici. Sia i nuovi che i tradizionali metodi di valutazione, nonché le indagini sui cittadini, saranno infatti eseguite ante e post operam.

Dopo un primo ciclo di attuazione e monitoraggio, una seconda fase implementerà 7 diverse superfici in un'altra zona della Toscana per verificare quanto emerso e migliorato (politica di attuazione) con l'uso di asfalti riciclati. Una seconda fase di monitoraggio misurerà le proprietà strutturali e il rumore generato per verificare le prestazioni e i requisiti di sicurezza. Misurazioni sull’inquinamento atmosferico durante le fasi di stesa saranno condotte per dimostrare la riduzione delle emissioni di IPA.